Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)

Brundibar

PDFStampaE-mail

BRUNDIBAR

opera per bambini in due atti

Libretto di Adolf Hoffmeister

Musica di Hans Krása

 

alt

La trama di Brundibar

Due bambini, Pepicek e Aninka, hanno bisogno di latte per la loro mamma malata ma non hanno soldi per comprarlo. Nel vedere il vecchio suonatore di organetto Brundibar, all'angolo della strada, i bambini iniziano a cantare imitandolo, ma disturbano i passanti e lo stesso Brundibar, che infine con l'aiuto di un poliziotto li scaccia via in malo modo.

In loro soccorso, durante la notte, arrivano tre animali: un cane, un gatto e un passero, che promettono il loro aiuto e il mattino seguente si mettono a cantare un'incantevole ninna-nanna insieme ai bambini.

La gente della strada si commuove e ricompensa i bambini con il sospirato denaro, ma Brundibar, approfittando di un loro momento di disattenzione, li deruba. Allora i bambini, insieme ai tre animali, rincorrono Brundibar e recuperano il denaro.

L'opera si conclude con una canzone che celebra la vittoria sul cattivo suonatore di organetto.

 

Alcune notizie sulla genesi di Brundibar

Brundibar è un'opera per bambini del compositore ceco ebreo Hans Krása su libretto di Adolf Hoffmeister, originariamente rappresentata dai bambini del Campo di Concentramento di Theresienstadt nella Cecoslovacchia occupata dai nazisti.

Krása e Hoffmeister scrissero l'opera nel 1938 per un concorso organizzato dal governo: concorso che venne successivamente annullato a causa degli sviluppi politici del tempo. Le prove cominciarono nel 1941 all'orfanotrofio ebraico di Praga, che a quel tempo funzionava anche come struttura educativa temporanea per bambini divisi dai loro genitori dalla guerra. Nell'inverno del 1942 all'orfanotrofio si svolse, in forma ridotta, la prima dell'opera senza la presenza del compositore Krása e dello scenografo Frantisek Zelenka che, nel frattempo, erano già stati deportati a Theresienstadt (Terezin).

Terezin è una città della Cecoslovacchia che servì da ghetto, tra il 1941 e il 1945, per circa 140.000 ebrei ivi deportati dai nazisti dall'Europa Centrale ed Orientale. Proprio a Terezin perirono circa 35.000 detenuti. Degli 87.000 prigionieri deportati a Est, dopo la guerra fecero ritorno solo 3.097 persone. Fra i prigionieri del ghetto di Terezin vi furono all'incirca 15.000 bambini, compresi i neonati. Erano in prevalenza bambini degli ebrei cechi, deportati a Terezin insieme ai genitori, in un flusso continuo di trasporti fin dagli inizi dell'esistenza del ghetto. La maggior parte di essi morì nel corso del 1944 nelle camere a gas di Auschwitz. Dopo la guerra non ne ritornò nemmeno un centinaio e di questi nessuno aveva meno di quattordici anni. I bambini sopportarono il destino del campo di concentramento assieme agli altri prigionieri di Terezin.

altNel luglio del 1943 quasi tutti i membri del coro originale ed il personale dell'orfanotrofio vennero, anch'essi, deportati a Theresienstadt. Solo il librettista Hoffmeister poté scappare da Praga in tempo. Riunito il cast a Theresienstadt, Krása ricostruì l'intera partitura dell'opera, basandosi sulla propria memoria e grazie ad uno spartito per pianoforte che il figlio del direttore dell'Orfanotrofio, Rudolf Freundebfeld, gli consegnò, nascondendola al controllo dei nazisti, il giorno della suo arrivo al ghetto. Krása poté così adattarla agli strumenti disponibili al campo: flauto, clarinetto, chitarra, fisarmonica, piano, percussioni, quattro violini, un violoncello e un contrabbasso. La scenografia fu ridisegnata ancora una volta da Frantisek Zelenka, già direttore di palco per il Teatro Nazionale Ceco e, come sfondo, vennero dipinti diversi palazzi, al primo piano c'era una recinzione con i disegni del gatto, del cane e dell'allodola, con buchi per inserire le loro teste al posto di quelle degli animali. Il 23 settembre del 1943 ebbe luogo la prima di Brundibár. La produzione fu diretta da Zelenka, con le coreografie di Camilla Rosenbaum.

L'operina venne replicata 55 volte e fu scelta dal Comando del Ghetto come prova dimostrativa della "bella vita nella città termale di Terezin" in occasione della visita di ispezione della Croce Rossa Internazionale il 23 giugno 1944. Goebbels aveva inoltre commissionato la realizzazione di un film intitolato "Der Fuhrer schenkt den Juden eine Stadt" (Il Fuhrer regala una città agli ebrei) sul "paradiso" di Terezin nel quale la rappresentazione di Brundibar giocò un ruolo importante. Quella frode della propaganda nazista servì purtroppo per lasciarci la triste memoria del martirio di quei bambini innocenti che intonano nel finale dell'opera il loro canto di vittoria. Finite le riprese, Krása, tutti i membri dell'orchestra, i collaboratori ed i bambini, che vi avevano partecipato, vennero, infatti, deportati ad Auschwitz e morirono, tranne due sopravvissuti, nelle camere a gas. Le riprese di Brundibár sono incluse nel documentario "Voices of the Children", vincitore di un Emmy-Award e diretto da Zuzana Justman, una sopravvissuta di Terezin, che cantò nel coro. Nel film compare anche Ela Weissberger, (anch'ella sopravvissuta) che interpretava la parte del gatto.

 

Hans Krása

Hans Krása (30 Novembre 1899 - 17 ottobre 1944), nato a Praga da padre ceco, avvocato, e madre ebreo-germanica, studiò fin da bambino pianoforte e violino e proseguì i propri studi musicali presso la Accademia musicale germanica a Praga, studiando composizione. Dopo avere conseguito il diploma, divenne ripetitore presso il Neues Deutsches Theater, dove incontrò il compositore e direttore d'orchestra Alexander Zemlinsky, che ebbe un'importante influenza sulla sua carriera di musicista. Il debutto di Krása come compositore avvenne con i Quattro lieder orchestrali op. 1. L'opera ebbe la sua prima esecuzione sotto la direzione di Zemlinsky a Praga nel maggio 1921 e riscosse un notevole successo. Poi seguì un quartetto per archi, un ciclo di cinque lieder per voce e pianoforte e la sua Symphonie für kleines Orchester, che fu eseguita a Zurigo, Parigi e Boston. Il suo maggior successo fu l'opera "Verlobung im Traum" (Fidanzamento in un sogno) tratta da un racconto di Dostoevskij ed eseguita nel 1933 a Praga durante il prestigioso Festival di Maggio. Krása, infatti, dopo alcuni anni trascorsi a Berlino, era rientrato in patria anche in seguito all'emanazione delle leggi marziali che, a causa delle sue origini ebree, lo rendevano sgradito in Germania. A Praga si sentì sicuro almeno sino all'invasione della Repubblica Ceca da parte dei nazisti.

Brundibar, un'opera infantile basata su una commedia di Aristofane, fu l'ultimo lavoro che Krása terminò prima di essere arrestato dai nazisti il 10 agosto del 1942. Gli anni di composizione di Brundibar furono il 1938 e il 1939. L'occasione fu un concorso per un opera per bambini organizzato dal Ministero dell'Istruzione e per la formazione del popolo cecoslovacco. Non si seppero mai i risultati di quel concorso ma nel giugno del 1941 il direttore dell'orfanatrofio ebraico di Praga, Otto Freudenfeld, in occasione di una riunione organizzativa per celebrare il 50° anniversario della fondazione dell'orfanatrofio, avendo appreso che il compositore aveva scritto un'opera per bambini, propose che la stessa venisse provata con il coro dei bambini dell'orfanotrofio. L'arresto e la deportazione di Krása nel ghetto di Theresienstadt (Terezin) impedì la messa in scena dell'opera. Ci fu comunque un tentativo di eseguirla successivamente senza orchestra ma con soli tre musicisti che leggevano dalla riduzione pianistica. Le prove furono seguite da Rudolf Freudenfeld, il figlio del direttore dell'orfanatrofio, ed eseguite dai bambini della Casa del Bambino Ebreo a Hagibor.

Nel 1943 anche i Freudenfeld furono deportati a Terezin e Rudolf riuscì a portare con sé la riduzione pianistica, nascondendola al controllo dei nazisti, per poi consergnarla, il giorno del suo arrivo, al compositore perché riscrivesse la partitura. La "prima" di Brundibar a Terezin ebbe luogo il 23 settembre 1943. Ai bambini l'opera piacque fin dal principio. Nel ghetto di Terezin fu eseguita 55 volte un po' dovunque (nei corridoi dei dormitori, negli angoli dei cortili etc.).

La sua importanza fu ben compresa dal comando del Lager che la scelse come prova dimostrativa dell'efficienza del ghetto in occasione della visita di ispezione della Croce Rossa Internazionale il 23 giugno 1944. Dopo la partenza della Croce Rossa, nel ghetto di Terezin tutto tornò come prima ed aumentò la frequenza dei morti e dei deportati verso Auschwitz. Nei mesi successivi quasi tutti gli interpreti vennero trasferiti ed uccisi. Lo stesso giorno del suo arrivo ad Auschwitz (17 ottobre 1944) Hans Krása fu assassinato nelle camere a gas.

 

La Giornata della memoria

Il Giorno della Memoria è una ricorrenza internazionale celebrata il 27 gennaio di ogni anno come giornata in commemorazione delle vittime dell'Olocausto. La scelta della data ricorda il 27 gennaio 1945 quando le truppe sovietiche dell'Armata Rossa, nel corso dell'offensiva in direzione di Berlino arrivarono presso la città polacca di Auschwitz scoprendo il tristemente famoso campo di concentramento e liberandone superstiti.

La data del 27 gennaio in ricordo della Shoah, lo sterminio del popolo ebraico, è indicata quale data ufficiale in seguito alla risoluzione dell'ONU dell'1 novembre 2005.

L'Italia ha formalmente istituito la giornata commemorativa, nel medesimo giorno, alcuni anni prima della corrispondente risoluzione delle Nazioni Unite: essa ricorda le vittime dell'Olocausto e delle leggi razziali e coloro che a rischio della propria vita hanno protetto i perseguitati ebrei, nonché tutti i deportati militari e politici politici italiani nella Germania nazista.

Gli articoli 1 e 2 della legge n. 211 del 20 luglio 2000 definiscono così le finalità e le celebrazioni del Giorno della Memoria:

«La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell'abbattimento dei cancelli di Auschwitz, "Giorno della Memoria", al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.

In occasione del "Giorno della Memoria" di cui all'articolo 1, sono organizzati cerimonie, iniziative, incontri e momenti comuni di narrazione dei fatti e di riflessione, in modo particolare nelle scuole di ogni ordine e grado, su quanto è accaduto al popolo ebraico e ai deportati militari e politici italiani nei campi nazisti in modo da conservare nel futuro dell'Italia la memoria di un tragico ed oscuro periodo della storia nel nostro Paese e in Europa, e affinché simili eventi non possano mai più accadere».


Durata dello spettacolo: 50 minuti circa


GIORNATA MONDIALE DELLA MEMORIA

Mercoledì 27 gennaio 2016 ore 9,30 e 11,30 (Scuole)

repliche: giovedì 28 gennaio ore 9,30 e 11,30 (Scuole); domenica 31 gennaio ore 17,30 (turno Famiglie 2); mercoledì 3 febbraio ore 9,30 e 11,30 (Scuole)

Riccardo Scilipoti, direttore

Coro di Voci Bianche FOSS

 

Prenotazioni scuole: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Informazioni: 091/6072524 (ore 9/14)

Costo biglietto Scuole: euro 3,00

Costo biglietto domenica 31 gennaio ore 17,30 (posto numerato): euro 12,00 (intero); euro 8,00 (20%); euro 6,00 (50%)

Riduzione 50% bambini e ragazzi fino a 14 anni; Riduzione 20% abbonati stagione 2015/2016

APERTURA VENDITE Scuole dal 24 settembre 2015

 


Biglietteria teatro

Aperta di regola da lunedì a sabato dalle ore 10 alle ore 13 e, nelle giornate di spettacolo, un'ora prima dell'inizio.

Tel. 091 6072532 Fax 091 585900 e-mail:  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

alt

 

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, visualizza la nostra privacy policy cliccando qui.

Accetto i cookies da questo sito.